Demi Lovato risponde a tono contro il fat shaming

di Valentina Cervelli Commenta

Demi Lovato risponde a tono contro il fat shaming e lo fa portando addirittura il colpevole a chiedere scusa per l’errore: pietra dello scandalo un titolo ed un articolo sulla sua figura più “piena” ogni volta che va in recovery.

Ora, in un mondo dove la gente fosse in grado di pensare prima di parlare e non giudicare l’aspetto fisico non ci sarebbe bisogno di rispondere a tono a chi in maniera indelicata tenta di guadagnare su tutto semplicemente per ottenere consensi sul gossip. Purtroppo in quello nel quale viviamo ce ne è bisogno e va fatto di continuo. Demi Lovato che, grazie al cielo, ha trovato anche la forza di lasciare Henry Levi per non ricadere nelle brutte abitudini, sta imparando sempre di più ad amarsi ed ha fatto una bella lavata di capo al giornalista che si è lasciato andare ad un articolo, va detto, decisamente vergognoso, attraverso le sue IG Stories:

Sono più del mio peso forma. A differenza del passato, non sono arrabbiata per il fatto che qualcuno abbia scritto un titolo sulla mia “figura più piena”. Sono arrabbiata perché la gente pensa che sia giusto scrivere dei titoli sulle forme del corpo delle persone. Soprattutto su una donna che è stata così aperta nel raccontare di essere alle prese con un percorso di recupero causato da un disturbo alimentare. Non sono arrabbiata per me stessa ma per chiunque sia facilmente influenzabile dalla cultura della dieta. Troppe persone oggi basano il loro peso forma ideale su ciò che gli ALTRI ci dicono di guardare. Articoli come questi contribuiscono a questo pensiero tossico.

Demi Lovato ha poi condiviso le scuse ricevute dal giornalista, il quale ha seriamente dimostrato di aver capito l’errore e richiesto ai suoi fan di non metterlo alla gogna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>