Daniel Radcliffe: 10 curiosità su di lui

di Redazione 1

Daniel Radcliffe è il celebre Harry Potter della saga che l’ha reso famoso in tutto il mondo. L’attore britannico, nato il 23 luglio 1989, ha successivamente avuto altre esperienze di successo sia cinematografiche che teatrali. Per i pochissimi che non l’hanno mai sentito nominare e non solo, dopo il salto troverete 10 curiosità riguardanti Daniel.

1. I genitori di Daniel non erano favorevoli a far intraprendere a loro figlio la carriera di attore. Hanno cambiato idea quando si resero conto che Daniel aveva seri problemi di espressione verbale e socializzazione.

2. Nello spettacolo teatrale Equus, Daniel Radcliffe ha recitato sul palco alcune scene completamente nudo.

3. Daniel si è schierato apertamente contro l’omofobia per contrastare il triste fenomeno dei suicidi in età adolescenziale. Ha contribuito anche economicamente per la causa.

4. Daniel ha pubblicato una serie di racconti e poesie con il nome d’arte di Jacob Gershon.

5. Daniel ha ammesso di aver avuto problemi con l’alcol e di essersi presentato più volte ubriaco sul set di Harry Potter.

6. L’attore è fidanzato con Rosie Coker, assistente di produzione conosciuta sul set di Harry Potter. Durante un’intervista, Daniel ha confessato di essere stato sempre una frana con le donne.

7. In Thailandia, il volto di Daniel è stato stampato su rotoli di carta igienica.

8. E’ alto poco più di un metro e 60.

9. Daniel ama scrivere, ascoltare musica, giocare ai videogames e la letteratura inglese. Odia stirare e pulire la biancheria sporca che porta regolarmente a sua madre. Daniel, inoltre, parla correttamente lo spagnolo e crede nei fantasmi.

10. Daniel ha dichiarato di aver avuto un colpo di fulmine appena ha conosciuto Emma Watson.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>