Demi Lovato parla dei disturbi alimentari

di Valentina Cervelli Commenta

Demi Lovato, sebbene abbia recentemente ricominciato ad affrontare la sua vita ed il lavoro con rinnovato stile e vigore,  ha passato gli ultimi mesi del 2010 in cura presso un centro di recupero per malattie psicologiche e disturbi alimentari.

E’ proprio su questi ultimi che  Demi ha deciso di vuotare in parte il sacco, portando ad esempio la sua esperienza in modo tale da invitare alla prevenzione ed all’istantanea cura di queste patologie, che possono rivelarsi davvero deleterie per la normale crescita di un adolescente.

Incita Demi:

Se state attraversando un periodo oscuro andate dalla vostra famiglia e dagli amici più cari. Non mettetevi in pericolo. È davvero importante che esprimiate i vostri sentimenti, ma non ferite il vostro corpo perché il vostro corpo è sacro. Vorrei dire a ogni ragazza con disturbi alimentari o che si fa del male, che si merita la vita e che la sua vita ha significato. Potete superare e attraversare tutto.

Ma si tratta di un percorso molto difficile. E su questo l’attrice non fa davvero sconti, nemmeno con se stessa.

Ci sono state volte recentemente in cui avevo voglia di liberarmi della mia cena. Ma mi ci confronterò per tutta la vita perché è una malattia che dura tutt la vita. E non penso che non ci sarà giorno in cui non penserò al cibo o al mio corpo, ma ci conviverò e voglio dire alle giovani ragazze di trovare il loro posto sicuro e rimanerci.

La sua vita rispetto al passato è cambiata. Soprattutto dopo l’esperienza in rehab.

Non la definirei in nessun modo. Vivo la mia vita ogni giorno e mi sento come se indossassi stivali da combattimento un giorno e scarpe un altro. Mi concedo molta libertà e sono in pace adesso. Ho capito che renderti felice è la cosa più importante. Non vergognarti mai di quello che senti. Hai il diritto di sentire le emozioni che hai e fare quello che ti rende felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>