Ecco come Zac Efron passa inosservato!

di Fabio Morasca Commenta

Quando sei una star di livello mondiale, adorato da milioni di fan e inseguito, in ogni tuo movimento, da centinaia di paparazzi, è normale cercare, ogni tanto, un momento di meritata privacy.

E Zac Efron, presto nelle sale italiane con il suo nuovo film Charlie St. Cloud, ha messo a punto alcuni trucchetti che sembrano funzionare, come l’utilizzo di parrucche e o farsi crescere l’ormai famosa barba, che tanto ha fatto chiacchierare.

A svelare questo segreto, è stato lo stesso Zac, in un’intervista:

Quando sto in un supermercato, mi muovo molto furtivamente, è una cosa veramente assurda. Cerco di non guardare negli occhi le persone finchè qualcuno inevitabilmente mi riconosce e mi dice: “Hey, io lo so chi sei! Sei Zac!”. Insomma, quello che faccio è evitare di attirare l’attenzione.

E aggiunge:

Se la gente mi ferma e mi dice: “Tu sei quel ragazzo che canta e balla in High School Musical!”, io nego e vado avanti per la mia strada.

Un po’ maleducato forse nei confronti dei suoi fan ma la voglia, a volte, di tornare un ragazzo normale si fa sentire, specie quando racconta questo aneddoto, che coinvolge anche la sua fidanzata, Vanessa Hudgens:

Una volta, io e Vanessa siamo andati al Coachella Festival, in California e non volevo andarci come un vip perchè era una cosa strana, volevo andarci e godermi realmente il concerto. Così mi sono fatto crescere i baffi. Io e Vanessa ci siamo divertiti alla grande per due giorni finchè i paparazzi non ci hanno scoperti l’ultimo giorno. Io posso andare in un sacco di posti in Giappone, senza che la gente mi riconosca, specialmente se utilizzo questi trucchetti.

Caro Zac, se vuoi stare in pace con la tua Vanessa non ti resta altro che trasferirti a Tokyo, allora…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>