Emma Marrone in lacrime a Verissimo

di Valentina Cervelli Commenta

Emma Marrone è scoppiata in lacrime a Verissimo, e c’è da capirla: chi ha avuto modo di vedere la sua intervista ha potuto toccare con mano quel suo lato più dolce, quello di una persona che per quanto possa amare il proprio lavoro sente la mancanza dei suoi affetti.

emma-marrone-arriva-cd-dvd-live

Abituati a vederla sempre grintosa e piena di vita spesso dimentichiamo che Emma Marrone è una ragazza come tutte, e che nonostante la contentezza per la partenza del nuovo tour nel febbraio 2019, vi è al contempo nella sua vita la tristezza per la mancanza dei genitori che non riesce a vedere da diversi mesi. Ha raccontato a Silvia Toffanin:

Sono molti mesi che non vedo i miei genitori e questo un po’ mi fa soffrire, mi sono buttata sul lavoro, ma loro mi mancano. Tutti i bambini meriterebbero dei genitori come i miei. Mi considero veramente fortunata ad avere una famiglia così, mi rendo conto che non per tutti è possibile. Sono i periodi in cui fai fatica, in cui devi reagire, in cui devi dimostrare qualcosa a farti crescere, sia come artista sia come persona.

Per ciò che riguarda la sua vita privata va detto che Emma Marrone ha le idee abbastanza chiare grazie all’esperienza passata: piuttosto che avere accanto “chiunque” è meglio stare da soli. La nuova edizione del suo album “Essere qui – Boom Edition”, grazie alla rivista che accompagna il progetto dà modo alla cantante di affrontare anche quelle che sono le ferite che le hanno lasciato segni che non si vedono, come l’odio sui social, per i quali sottolinea:

Quelle che fanno più male, sono quelle che non si vedono. Gli insulti sui social…i miei genitori hanno paura per ciò che mi scrivono. Bisogna prendere dei provvedimenti, perché finché non verrà punito qualcuno, tutti continueranno a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>