Merida, da ragazzina a principessa sexy

di Morgan Williams Commenta

Non c’è giorno più importante per una futura principessa di quello in cui si riceve la propria corona: certo, a meno che tu non sia Merida, la protagonista di Ribelle – The Brave, che nel corso della sua avventura ci ha fatto capire in tutti i modi che preferiva seguire i suoi sogni piuttosto che guadagnarsi un regale posto al trono.

Ma anche per lei è arrivato il giorno e l’11 maggio Merida è entrata a far parte di fatto del gruppo delle Principesse Disney. Una notizia bellissima per tutte le fan della rossa e tenace ragazza, se non fosse che, per adempiere al suo passaggio regale, Merida abbia subito un notevole restyling, trasformandosi in una ragazza bellissima e ammiccante.

Le prime immagini ufficiali ci mostrano una Merida del tutto differente da quella che abbiamo imparato ad amare in Ribelle – The Brave: boccoli morbidi e ben pettinati, scollatura accentuata, fianchi larghi sottolineati da una elegante cinta, occhi ammiccanti e addirittura un filo di rossetto. E pensare che quella buffa ragazza scozzese ci aveva ammaliate proprio perché indifferente alle etichette della moda e della femminilità.

Tantissimi i fan che si sono ribellati alla scelta del marketing Disney di cambiare le fattezze della principessa, a partire da Brenda Chapman, co-regista e creatrice di Merida:

Vi è una irresponsabilità in questa decisione che è terribile per le donne e le ragazze. Il marketing Disney e chi gli consentono di fare queste cose dovrebbero vergognarsi di se stessi. Gli è stata consegnata un’occasione su un piatto d’argento per dare ai loro consumatori qualcosa con più sostanza e qualità, che comunque vende, e hanno dimostrato nei suoi confronti un totale disprezzo, in nome della loro ristretta visione mentale su quello che fa soldi. Mi dimentico che l’obiettivo Disney è quello di fare soldi senza preoccuparsi dell’integrità, come sono sciocca.

Per cercare di far tornare Merida al suo classico aspetto, su Internet è stata già avviata una petizione che puoi firmare a questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>