BTS e Biden insieme contro l’odio per gli asiatici

di Valentina Cervelli Commenta

BTS e Biden insieme contro l’odio per gli asiatici; è un problema quello del razzismo in America praticamente onnipresente. Il presidente degli Stati Uniti ha deciso di fare qualcosa anche contro quello che colpisce le comunità orientali nel suo paese.

Un incontro davvero importante

Purtroppo grazie anche alla presidenza di Donald Trump, xenofobia e razzismo sono quasi state sdoganate del tutto oltreoceano. Amplificando quelle che erano le problematiche già esistenti nel paese.  Non c’è niente di meglio per evidenziare un problema e cercare di risolverlo, che agire facendosi aiutare. In questo caso i Bts e Biden saranno protagonisti la prossima settimana di un incontro che si rivelerà molto importante in tal senso.

La band sudcoreana è infatti attesa alla Casa Bianca per la prossima settimana. Ed è palese che l’obiettivo del presidente Joe Biden sia quello di farsi aiutare dal gruppo e dalla sua enorme popolarità. A fare cosa? Ovviamente a sensibilizzare l’opinione pubblica in merito ai crimini di odio contro le minoranze asiatiche.

Questa riunione di BTS e Biden farà la storia e la ragione sta nel fatto che per la prima volta un gruppo musicale proveniente dall’Asia viene invitato a Washington. E’ incredibile come in poco tempo i Bangtan siano stati in grado di fare la storia anche in questo senso. I ragazzi sudcoreani sono stati invitati alla Casa Bianca per parlare “dell’importanza della diversità e dell’inclusione in mezzo all’aumento dei crimini ispirati dall’odio in Asia“. È questo il modo in cui l’ufficio Stampa del Presidente ha presentato l’incontro.

Bts e Biden per educare

Bts e Biden uniti contro il razzismo: un’ottima mossa dal punto di vista della comunicazione. In questo modo è possibile raggiungere più persone, a prescindere dalle loro origini e agire in tal senso contro l’odio razziale. Soprattutto dopo un anno in cui negli States i crimini contro le persone asiatiche o di origine asiatica sono cresciuti esponenzialmente.

Un odio che è cresciuto, secondo gli analisti, anche a causa di alcune fazioni politiche che hanno preso di mira la Cina, fomentando l’intolleranza e l’ignoranza. Un problema scaturito dalla colpevolezza affibbiata al paese orientale in merito alla pandemia di coronavirus.  Non dimentichiamo che tra i recenti gravi fatti di cronaca statunitense vi è l’attacco di un uomo contro   tre donne di origine asiatica in un parrucchiere a Dallas, in Texas.

Piccola curiosità. Non solo Biden per i BTS: i ragazzi saranno protagonisti, per Apple Music, di una serie settimanale in 3 episodi per Apple Music: “BTS Radio: Past & Present” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>