Joe Jonas rischia l’arresto ad Abu Dabhi

di Valentina Cervelli Commenta

Imperdonabile Joe Jonas! Ma si può dimenticare di dichiarare dei coltelli da cucina in aereoporto, e soprattutto in un paese straniero?

Data l’allerta sicurezza, la notizia sarebbe esplosa anche se fosse accaduto nella sua America, ma ha davvero dell’imperdonabile l’errore commesso dal giovane cantante dei Jonas Brothers in medioriente.

Joe stava facendo ritorno verso gli States insieme alla sua fidanzata Ashley Greene, momentaneamente lontana dal set di “The Twilight Saga: Breaking Dawn” proprio per raggiungere il suo compagno in tour e passare del tempo di qualità insieme prima di fare ritorno sul set a Baton Rouge i primi di dicembre.

Ovviamente allo scalo, i due sono stati fermati.  Ci racconta meglio come sono andate le cose la stessa Ashely, che per la prima volta qualche giorno fa, al “Lopez Tonight” di George Lopez ha parlato per la prima volta, seppur brevemente, della sua storia con il cantante, spiegando una delle cose che le sono immediatamente piaciute di lui.

E’ molto dolce.

Ed in merito all’incidente di Abu Dabhi spiega:

Abbiamo superato il primo controllo, ma al secondo ci hanno fermati e ci hanno guardato con facce molto severe. Ci guardavano come per dire: “Cosa c’è in quella valigia? Mi sono voltata verso Joe e ho avuto questo flashback del set di coltelli che conteneva. Erano coltelli per tagliare il formaggio. Ho guardato Joe come per dirgli: “Hai lasciato i coltelli nella borsa?” E lui: “Ooops”. È stata tutta colpa sua. È stato davvero imbarazzante.

E conclude:

C’è tantissima sicurezza, ci hanno guardati malissimo chiedendoci di spiegare, ma per fortuna hanno capito e non ci hanno arrestati. Ci hanno permesso di spedire i coltelli col resto dei bagagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>