Michael Lohan: “Il padre di Demi Lovato dovrebbe stare zitto”

di Redazione Commenta

Non è la prima volta che una star, che sia della musica o del cinema, decida, per scelta o costrizione, di ricoverarsi in rehab per i più svariati motivi, dalla tossicodipendenza fino a questioni psico-fisiche. Michael Lohan ne sa qualcosa. L’uomo, infatti, ha più volte visto entrare e uscire da cliniche di riabilitazione, la sua famosa figlia, l’attrice Lindsay Lohan.

Per questo, Michael ha deciso di dire la sua, anche sul ricovero di Demi Lovato, consigliando al padre della cantante e attrice, Patrick Lovato, di tenere la bocca chiusa.

Ecco le dichiarazioni rilasciate da Michael al sito Popeater:

Ci sono due motivi per i quali non ho alcun rispetto per chi parla e fa commenti su altre persone. Il primo motivo è che queste persone giudicano dal di fuori, parlando di cose di cui non sanno nulla. Secondo motivo, e che sono troppo vigliacchi per dire le cose in faccia.

Patrick Lovato, che ultimamente ha ricevuto anche minacce di morte, ha dichiarato recentemente che il ricovero della figlia, Demi, è dovuto allo stress causato dalla troppa mole di lavoro. Affermazioni che hanno subito causato una risposta da parte dei legali della Disney:

Nessuno parla per conto di Demi Lovato, tranne i suoi rappresentanti designati. Purtroppo, però, ci sono anche altre persone che parlano di una cosa senza saperne nulla.

Dichiarazioni, non a caso, quelle della Disney, visto che il padre di Demi, dopo il divorzio con la moglie Dianne, ha avuto pochissimi rapporti con la figlia Demi.

Una risposta che ha trovato d’accordo anche Michael Lohan che, pur predicando bene e razzolando male, dà qualche consiglio, anche se con troppa veemenza, a Patrick Lovato, invitandolo a non parlare di cose che non conosce e di non fare eventuali paragoni tra le situazioni di Demi Lovato e di Lindsay Lohan:

Chiedo al padre di Demi Lovato di astenersi dal fare dichiarazioni su mia figlia, o che almeno me le dica in faccia.

Parole che sanno quasi di sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>