Moda: la rivincita degli occhiali nerds

di Antonio Santamato Commenta

Riapre Mido, la Mostra Internazionale di Ottica, Optometria e Oftalmologia, in programma fino al 7 marzo alla Fiera di Milano e a farla da padrone sembrano essere proprio gli occhiali “da secchione”: ad insegnarcelo sono proprio i cantanti, leader nella scelta di occhiali, un accessorio che sembra poco influente nella moda ma che in realtà sono super importanti.

L’occhiale è un accessorio molto importante e che può alle volte anche “sconvolgere” interamente il viso di una persona e cambiare il suo stato d’animo o la sua personalità: con le montature più stravaganti si può diventare artisti in cerca sempre di qualcosa di particolare, o con una montatura tutta nera e grande si può diventare più intellettuali o addirittura secchioni. Ce lo insegna Marco Mengoni con le sue montature particolari, e ce lo insegnano ogni anno molti artisti in onda sul palco sanremese che sembra essere l’anteprima di Mido.

Quest’anno c’è la «rivincita dei nerds». Il nero non passa mai di moda, e  per indossare il bianco sembra ci voglia “carattere”. Gli occhiali li mette anche chi vede benissimo (proprio come Marco Mengoni); e pensare che qualche decennio fa chi ne aveva bisogno neanche voleva indossarli per paura di essere deriso (d’altronde non ne avevano tutti i torti visto le montature di un tempo).

Le forme a farfalla e quelle arrotondate, lo «strawberry mood», ovvero la prevalenza del rosso, ma anche quella del blu. Sono questi i modelli, anche se abbastanza retrò, che stanno ritornando di moda e che sono i più difficili da indossare. La Timberland ha deciso di creare montature tutte ecologiche, con materiali riciclati, compreso l’astuccio.

E i prezzi?

Nei periodi di crisi come questo è importante il design ma soprattutto il prezzo; la fascia che fa i volumi ora è quella tra i 100 e 130 euro, il tutto senza far calare qualità e servizio. E poi bisogna crederci e investire. Proprio in questo momento di difficoltà noi abbiamo deciso di investire il 30% in più.

Così Michele Aracri del Gruppo De Rigo.

Insomma… non rinunciate ad un paio di occhiali, e “famolo pure strano”, perchè è meglio ed è alla moda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>