One Direction, la recensione di “Made in the AM”

di Valentina Cervelli Commenta

Fan degli One Direction e non, disperatevi: “Made in the Am” è senza dubbio il migliore album dei ragazzi e sapere già da ora dell’impossibilità di poter sentire live queste canzoni è qualcosa che davvero deprime. Bisogna sperare nel live Apple che i ragazzi eseguiranno tra una decina di giorni.

Non pensavamo di poterlo dire ma avendo avuto la possibilità di ascoltare in anticipo le canzoni di “Made in the AM” che uscirà il prossimo 13 novembre,  non possiamo non dire che questo sia di gran lunga il lavoro migliore degli One Direction. Non c’è una canzone debole, una nella quale la vocalità dei ragazzi non sia messa in luce. E soprattutto c’è tanta “sperimentazione” in generi che non si collegherebbero a loro immediatamente. In particolare merita menzione “If I could fly“: è in grado di strapparti lacrime che non sapevi di aver pronte ad uscire. Si sente che questo album è in qualche modo più sentito degli altri dai ragazzi. Sarà a causa dello hiatus? Non sappiamo, ma sembra proprio che prima di salutare tutti abbiano voluto raggiungere qualcosa di molto vicino all’eccellenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>