Nintendo Tomodachi Life arriva in Italia e cresce l’attesa

di Francesca Spano Commenta


Il fenomeno giapponese è pronto ad esplodere. E’ arrivato Tomodachi Life, il life simulator sviluppato da Nintendo per 3DS. Gli appassionati dei videogiochi ma anche i semplici curiosi che scelgono questo passatempo nei momenti liberi, scopriranno come diventare la star di una soap opera divertentissima, perché assolutamente imprevedibile. Il tanto atteso Tomodachi Life, è presentato dal noto brand in esclusiva per le consolle della famiglia Nintendo 3DS eNintendo 2DS, e se in patria ha registrato un successo quasi senza precedenti, adesso è pronto a replicare il consenso anche in Italia e, in generale, in Occidente. La domanda di fondo per tutti coloro che proveranno il gioco è quella legata a ciò che può succedere ai personaggi che da semplici conoscenti diventano eroi Mii. In questo caso, che cosa ci si può aspettare, soprattutto se si ritrovano tutti insieme su un’isola? La forza di Tomodachi Life è proprio questa: non è come tutti gli altri. In questo caso, si può giocare con una comunità personale, con veri e propri avatar di amici e parenti e, in generale, con volti familiari e non solo, come è accaduto in passato, con celebrità o figure comunque sconosciute. Dal 2006, quando questo tipo di tecnologia è stata introdotta, di personaggi Mii ne sono stati creati tantissimi, si calcola che siano almeno 200 milioni e 70 milioni solo in Europa, ma in Tomodachi Life, per la prima volta, diventano personaggi viventi in grado id innamorarsi, di vivere una vita sociale normale e possedere una propria personalità. Ecco perché è impossibile prevedere l’andamento del gioco, perché i personaggi possono stupire da un momento all’altro e da una scena all’altra ci si può anche concedere la possibilità di condividere ciò che accade sui vari social network. Spazio alla fantasia e alla creatività, dunque, su Tomodachi Life, termine che in giapponese vuol dire amico. Dietro a questa interessante novità c’è una felice intuizione del designer di videogiochi Nintendo Yoshio Sakamoto, il quale ha pensato a un gioco in cui i personaggi Mii potessero vivere come una sorta di animali domestici e in patria è arrivato nel 2009. Ad oggi ne sono state vendute fino a 5,5 milioni di copie e adesso i personaggi possono anche cantare e parlare in inglese, francese, spagnolo e tedesco. A livello tecnico, poi, è possibile selezionare varie impostazioni vocali per regolare la profondità o l’acuità, la velocità e l’intonazione in modo di somigliare alle persone nella vita reale. Per trovare la personalità che più si avvicina ai vostri amici, inoltre, si può scegliere tra 16 opzioni differenti. A tal proposito, esiste una divertente applicazione sul sito che permette agli utenti di scoprire qualcosa in più anche sulla propria personalità. Basterà rispondere a qualche semplice domanda. L’app è disponibile sul sito. Nell’isola dove è ambientato il gioco, si trovano negozi e luoghi dove incontrarsi o un condominio con spaziosi appartamenti dove vivere la vita di tutti i giorni. Si può andare a far la spesa, aggiornarsi sulle news, prenotare uno spettacolo di magia e via con una rosa di possibilità persino difficili da immaginare. Per rendersi bellissimi, ancora, si possono indossare diversi indumenti, cappelli, accessori e optare per particolari arredi per la propria casa. Per far scoprire agli amici le proprie novità Tomodachi, esiste un servizio di condivisione immagini di Nintendo 3DS, per la pubblicazione immediata su Facebook, Twitter o Tumblr.
Per ulteriori dettagli: Sito web dedicato a Tomodachi Life http://www.nintendo.it/tomodachi Nintendo 3DS Visita guidata: http://visitaguidata.nintendo.itNintendo 3DS (IT) su Facebook https://www.facebook.com/Nintendo3DSitalia Nintendo Italia su YouTube http://www.youtube.com/Nintendoitalia Nintendo Italia su Twitterhttps://twitter.com/nintendoitalia

https://www.youtube.com/watch?v=nAcW4pSg_g8

Articolo Sponsorizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>