Emma, testo e video di La mia città per Eurovision 2014

di Valentina Cervelli Commenta

Eravamo davvero curiosi di ascoltare la canzone di Emma Marrone per gli Eurovision 2014 e dobbiamo dire che le nostre aspettative non sono state deluse. Cercavamo orecchiabilità e ritmo e sembra che siamo stati accontentati su tutta la linea. Dopo il salto potrete gustare con noi il video ed il testo de “La mia città”.

 

L’Eurovision Contest è forse una delle competizioni musicali europee più folli ed assurde nella presentazione e nella scelta di canzoni ed esibizioni e davvero non vediamo l’ora di vedere cosa Emma Marrone ha in serbo per noi. Va detto che la scelta della canzone si allinea decisamente con quelle che sono le “necessità” di un concorso di quel genere. Ed anche il video ufficiale è una piccola perla davvero. Differente dalle solite scelte di Emma e questo è un punto a suo favore, decisamente. Non vogliamo azzardarci a previsioni esagerate, ma chissà… magari quest’anno con lei le cose andranno diversamente.

Emma Marrone – La mia città

Odio andare di fretta, i rumori, la nebbia, il tempo appeso, di questa città
Odio le scarpe col tacco, che incastro distratta nei tombini invadenti di questa città
Odio me stessa allo specchio non per il difetto, ma per stupidità
Amo restare in giro sapendo di tornare sempre in questa città

E dimmi se c’è un senso al tempo, al mio vagare inutile,
e dimmi se c’è davvero una meta o dovrò correre per la felicità

E corro corro avanti e torno indietro scappo voglio prendere il treno stringo forte il tuo respiro e penso a me che non ho un freno spingo forte non ti temo voglio tutto voglio te…
Voglio te, voglio te, voglio te

Amo il traffico in centro, parcheggiare distratta, il tuo sorriso, la mia instabilità
Amo fare l’offesa senza neanche una scusa fare pace la sera, spegni la città
E amo me stessa per questo per egocentrismo, senza, razionalità
Amo prenderti in giro sapendo di tornare sempre, nella mia città

E dimmi se c’è un senso al tempo, al mio vagare inutile,e dimmi se c’è davvero una meta,o dovrò correre per la felicità

E corro corro avanti e torno indietro, scappo voglio prendere il treno, stringo forte il tuo respiro e penso a me che non ho un freno spingo forte non ti temo, voglio tutto, voglio te
voglio te, voglio te, voglio te

E dimmi se lo vuoi
E dimmi che non sei
Soltanto un riflesso confuso che guardo sul fondo di me

E corro corro avanti e torno indietro, scappo voglio prendere il treno, stringo forte il tuo respiro e penso a me che non ho un freno spingo forte non ti temo, voglio tutto voglio te,
voglio te, voglio te, voglio te, voglio te…

Voglio te, voglio te, voglio te, voglio te…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>